Gravidanza post-PMA

Come si vive la gravidanza post-PMA? Noi, come sempre, possiamo riportare solo la nostra esperienza.⁣

Inutile dire che una gravidanza andrebbe vissuta con serenità, ma tanto tranquilli non eravamo. ⁣

Nelle primissime settimane la paura era tanta, con ansia abbiamo aspettato la prima ecografia a 6+0 per vedere il battito. Non avendo avuto nausee, attacchi di fame, mal di pancia, sonno, ecc. tranne l’assenza di mestruazioni, le beta positive e il seno leggermente gonfio (dovuto forse anche agli ovuli di progesterone) eravamo molto agitati durante il primo trimestre. ⁣

gravidanza post pma

Fin dalle beta positive (in realtà già da molto prima ancora) abbiamo spesso cercato di parlare con il feto, pur non potendo ancora sentirci o sentire le nostre mani sulla pancia. La paura è durata fino a quando abbiamo iniziato a sentire i movimenti a circa 20 settimane e, ogni volta che io o mio marito mettevamo la mano sulla pancia, sembrava quasi che il feto si volesse coccolare nelle nostre mani.⁣

Come sono cambiate le nostre abitudini e comportamenti? Un’alimentazione sana è sempre stata alla base del nostro stile di vita e in questo periodo ancora di più. Ho ridotto poi qualsiasi tipo di sforzo fino ad evitare persino di raccogliere qualcosa da terra: se potevo farne a meno, aspettavo che tornasse mio marito perché lo prendesse lui. Pulizie, caricare e svuotare lavatrice e lavastoviglie, portare la spesa… insomma, tutto quello che comportava sollevare pesi (anche leggeri) era diventato compito di mio marito. ⁣

Se ci ripenso oggi, mi viene da sorridere… anche perché se non ci sono controindicazioni di tipo clinico, raccogliere un piccolo oggetto da terra non avrebbe sicuramente comportato rischi. 🤦‍♀️

Nel secondo trimestre la paura era diminuita molto: eravamo più tranquilli e tutto sembrava procedere secondo la norma. In entrambe le gravidanze il terzo trimestre è stato quello più difficile e magari ne parleremo in futuro…

Se vi interessa saperne di più sul nostro percorso di PMA, leggete anche il nostro articolo “Com’è stato per lei“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *