L’ansia e la gestione della coppia nella procreazione medicalmente assistita – Guest Post di Maria Laura Battistini

La procreazione medicalmente assistita rappresenta una sfida evolutiva per la coppia che richiede equilibri nuovi. L’accettazione della infertilità passa attraverso ad un adattamento e una integrazione nella propria identità di elementi nuovi. La coppia rappresenta una identità ulteriore rispetto a quella del singolo, in quanto è diversa dalla somma delle sue parti, con difficoltà, risorse, strumenti differenti in base al percorso precedente e in base alla resilienza che non risiede solo nei singoli ma nella capacità di condividere e fare fronte insieme a cambiamenti, fonti di stress e ansie.

Le relazioni che si adattano alla nuova situazione sono quelle in cui è possibile un adattamento da parte di ciascuno, o di almeno uno dei due partner, fra le proprie immagini interne e la personalità reale dell’altro, e in cui c’è una reciproca valorizzazione, una volontà di scambio e di ri-sintonizzazione rispetto ai nuovi bisogni emersi.

Nelle relazioni che smettono di funzionare spesso il rapporto è una forma di difesa per controllare aspetti di angoscia, ansia, difficoltà. Altro aspetto fondamentale è chiedersi se siete in una relazione genitore-figlio/figlio-genitore o paritetica. E’ importante una condivisione di intenti che consenta una reciprocità, piuttosto che uno sbilanciamento all’interno del quale un partner sente di dovere guidare, di sapere cosa è bene e di “trascinare” l’altro all’interno di un percorso. Ogni membro della coppia deve essere consapevole dei progetti condivisi e collaborante.

L’ansia di un membro o di entrambi i membri spesso è legata a credenze e rappresentazioni irrazionali, che non ci consentono di vivere in modo “mindful“, nel qui ed ora, rimanendo grati di quello che già si possiede e non proiettandoci solo nel futuro, sugli aspetti mancanti.

Le convinzioni irrazionali legate all’ansia hanno origine biologico-sociale. Il nostro preoccuparci eccessivamente a livello evoluzionistico ci consentiva di uscire dai pericoli e sopravvivere. A livello sociale invece impariamo certe modalità dai genitori e dalla società, osservandole e facendole nostre per essere “abbastanza”. La consapevolezza di questi meccanismi è molto importante per il cambiamento.

Come possiamo fare per stemperare la nostra ansia e scardinare le convinzioni irrazionali? Per prima cosa dobbiamo riconoscerle. Diventiamo consapevoli dei nostri pensieri: possiamo anche metterli nero su bianco. Una volta individuati dobbiamo contrastarli e scardinarli, metterli in discussione. Siamo davvero sicuri che se non avremo un bambino a breve termine tutti ci giudicheranno? Siamo davvero sicuri che la nostra soddisfazione passi solo attraverso il diventare genitori? Alcuni pensieri vanno contro la realtà sociale e non rispecchiano davvero i fatti della vita, in più ci fanno solo male. Vanno contro la pragmatica e la logica; contengono le parole “devo” o “devo assolutamente”. Per liberarsi da certe idee irrazionali e osservare realmente il nostro sentire è importante condividere e comunicare all’interno della coppia, anche a livello emotivo, comunicare esattamente i nostri bisogni e cosa può fare il partner per supportarci. Quali sentimenti ci attraversano? Quali sono le risorse emotive che dobbiamo mettere in campo? Dove l’altro può effettivamente aiutarmi, e dove, invece, devo imparare a lasciare andare e proteggermi? Solo attraverso la consapevolezza e la condivisione possiamo lasciare andare certe paure e angosce, accettandole così come sono, passandoci attraverso, nella certezza che il partner sarà al mio fianco per trasformare, insieme, ogni difficoltà in qualcosa di meraviglioso, ogni salita/sfida in apprendimento, ogni cambiamento in gratitudine per il qui ed ora.

Dott.ssa Maria Laura Battistini,

Psicologa iscritta all’Albo della Emilia Romagna, n.5014, Facilitatrice Mindfulness e Trainer di Mindful Eating

Riceve su appuntamento: tel. 348.1366218 presso Parma e su Skype.

e-mail: mlaura.battistini@gmail.com, Instagram: psicologa_battistini, Facebook: Maria Laura Battistini, Psicologa, Formatrice e Facilitatrice Mindfulness

Sito: https://mlaurabattistini.weebly.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *